MAZZANO ROMANO

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

Flora e Fauna

E-mail Stampa PDF


Gran parte del territorio del Parco è coperto da boschi che si estendono per una superficie di circa 500 ha.
Vista dall'alto questa vegetazione appare come un lungo e serpeggiante nastro verde che interrompe la geometria dei circostanti campi coltivati.

flora_parcoVarie sono le strutture vegetazionali riconoscibili all'interno del Parco, tra queste la più comune è rappresentata da boschi costituiti in prevalenza da cerro e farnetto e subordinatamente da ligustro, acero, carpino e nocciolo.
Questi boschi, che in passato hanno subito profonde trasformazioni dovute all'attività umana, conservano tutt'oggi il fascino delle boscaglie inpenetrabili e delle selve che un tempo ospitavano l'antico popolo falisco.
Un'altro tipo di vegetazione ben riconoscibile è rappresentato dalla "cornice" quasi continua di lecci che orna la sommità delle pareti verticali di tufo. Questa specie tipica della vegetazione mediterranea la si trova per lo più associata all'erica e al corbezzolo, soprattutto nei versanti meridionali dove il tufo si "infuoca" al sole.
Il fiume e le pareti di tufo ospitano inoltre interessanti cenosi acquatiche, ripariali e rupestri.
La vegetazione arborea e arbustiva delle ripe tende spesso a formare un consorzio a "galleria" costituito da: pioppi, salici, ontani, olmi, cornioli e sanguinelli.
Di particolare rilievo tra la flora locale si segnala la presenza di diverse specie di orchidee che ornano il sottobosco nel periodo primaverile.

In uno scenario così ricco di vegetazione, punteggiata da numerose sorgenti perenni, la fauna vanta numerose specie.
Topi selvatici ed insettivori, talpe e toporagni popolano il bosco un po' ovunque.
Tra i predatori si segnala la presenza dell volpe, la faina, la martora, la puzzola, la donnola e molto probabilmente il gatto selvatico. Altri mammiferi che meritano di essere ricordati sono il tasso e l'istrice e tra gli ungulati il cinghiale.
Numerose la specie di uccelli legate all'ambiente boschivo. Tra i rapaci diurni e notturni bisogna segnalare la presenza del nibbio bruno, la poiana, i numerosissimi gheppi, lo sparviero, il raro lanaiolo, l'allocco, il gufo comune, la civetta, e il barbagianni.
Frequentano inoltre abitualmente il sottobosco l'usignolo, lo scricciolo e il merlo, mentre le cince, il cuculo, la ghiandaia e il rigogolo preferiscono le chiome degli alberi.
Tra i rettili si segnala la presenza della tartaruga terrestre, del biacco, del cervone e della vipera aspis.

Ultimo aggiornamento ( Domenica 09 Novembre 2008 17:47 )  

Sondaggi

Le informazioni contenute in questo sito ti sono state utili?
 

Chi è online

 82 visitatori online